http://www.francesconiccolini.eu
venerdý 21 settembre 2018
francesco niccolini
E nonostante tutti gli sforzi creativi,
il passato potÚ essere tenuto a bada solo in maniera imperfetta.
[Rohinton Mistry, A Fine Balance]


Home
curriculum
spettacoli
cinema e tv
teatro ragazzi
libri e dvd
testi e articoli
seminari e laboratori
links
compagni di viaggio
contatti
archivio vecchi lavori
premi
foto
EuroplÓ
tournÚe e appuntamenti
dicono di lui


"L'Universo" vince l'EOLO AWARDS 2018

Image 

L'UNIVERSO E' UN MATERASSO
(e le stelle un lenzuolo)

uno spettacolo di Flavio Albanese e Francesco Niccolini
di Francesco Niccolini
con Flavio Albanese

MOTIVAZIONI

«...per la capacità interpretativa di Flavio Albanese e drammaturgica di Francesco Niccolini di saper narrare ai ragazzi, in mezzo ad un cielo trapuntato di stelle, tutte le dimensioni che via via ha acquisito il concetto di tempo. Da quando si chiamava con un altro nome, Crono, ed era imperatore dell'Universo, fino ad oggi che è scomparso dalle leggi della fisica, facendoci comprendere nel contempo, come noi esseri umani, che ci crediamo così potenti, siamo solo una piccola parte dell'Universo e che le cose non sono come sembrano, ma probabilmente tutto, come il teatro, che tanto amiamo, è solo illusione.»

consulenza scientifica Marco Giliberti
regia Flavio Albanese
per la Compagnia del Sole

con la collaborazione di Ammirato Culture House, Piccolo Teatro di Milano, Santarcangelo dei Teatri, Alcantara Teatro e Marta Marrone

 

«Le cose esistono solo se qualcuno le illumina»

Questo è il grande racconto del Tempo.
È diviso in quattro capitoli.
Il primo racconta il tempo in cui il Tempo non esisteva ancora: l'origine del tutto attraverso il mito, in particolare la teogonia di Esiodo.
Il secondo capitolo descrive il tempo in cui la realtà era ciò che il buon senso e l'occhio umano potevano cogliere e comprendere: al mattino il Sole nasce a est, la sera tramonta a ovest, dunque il Sole gira intorno alla Terra. Il tempo di Aristotele e Tolomeo.
Il terzo capitolo è la rivoluzione copernicana, in cui l'uomo scopre che la realtà non è quella che sembra. Ovvero: il Sole è il centro del mondo e la Terra immobile non è.
L'ultimo capitolo è il più ambizioso e difficile: riguarda il Novecento, da Einstein ai quanti, l'epoca in cui l'uomo ha cominciato a comprendere che non solo le cose non sono come sembrano, ma probabilmente tutto – come in teatro – è solo illusione: il tempo prima si è fatto una variabile relativa e poi è scomparso dalle leggi della fisica, lo spazio vuoto non esiste, le particelle di materia sono imprevedibili e non sono mai dove dovrebbero essere. Noi compresi, ovviamente.
Tutto questo raccontato con occhi pieni di meraviglia (e anche un po' di spavento) da un protagonista diretto di tutta la storia: il Tempo in persona, Crono, prima imperatore dell'Universo e poi, dopo essere stato sconfitto dal figlio Zeus, sempre più in disparte. Fino a sparire.

francesco niccolini

per ulteriori informazioni clicca QUI

 
go to top Go To Top go to top