http://www.francesconiccolini.eu
sabato 18 novembre 2017
francesco niccolini
E nonostante tutti gli sforzi creativi,
il passato poté essere tenuto a bada solo in maniera imperfetta.
[Rohinton Mistry, A Fine Balance]


Home
curriculum
spettacoli
cinema e tv
teatro ragazzi
libri e dvd
testi e articoli
seminari e laboratori
links
compagni di viaggio
contatti
archivio vecchi lavori
premi
foto
Europlà
tournée e appuntamenti
dicono di lui


Prima nazionale il 10 novembre a Cagliari

Image

CIELO NERO

di Francesco Niccolini e Pierpaolo Piludu
con Pierpaolo Piludu

regia Mauro Mou

disegno luci Giovanni Schirru
musica originale e suono Matteo Sanna

organizzazione Barbara Mascia
una produzione Cada Die Teatro

 
Ortiche. È strano, giocare alle ortiche. Ma a Cagliari, negli anni Venti, piaceva molto: vince chi resiste più a lungo a piedi e gambe nude in mezzo alle ortiche. Il problema era prendere il tempo bene, e non barare.

Sono gemelli, Efisio e Antioco Mereu, e questo racconto li accompagna dai cinque ai trent'anni. Due gemelli che più gemelli di così non si può: si scambiano alle interrogazioni, e pure le ragazze, si scambiano. Eppure sono diversissimi, hanno due tecniche diversissime quando giocano alle ortiche, e pure nei pensieri e nei destini: Efisio è un buono, riflessivo, incapace di prendere grandi decisioni, studia filosofia, fa il pittore. Antioco è l'opposto: studiare non gli piace, preferisce il lavoro fisico. Il primo è indifferente al fascismo che si avvicina, il secondo è anarchico e antifascista nell'animo. Uno è fortunato, l'altro un po' meno: Efisio finisce in Marina e quando scoppia la guerra, la vive al sicuro, sul lungo mare di Cagliari, mentre Antioco finisce sul fronte peggiore che ci sia: la Russia.

Fino al '43, quando anche Efisio – insieme a tutta Cagliari – scopre il dolore raccapricciante e il sangue dei bombardamenti americani. La strada verso casa, una casa completamente devastata dalle bombe, dalla fame e dai lutti, sarà molto dura, e quando – quasi fuori tempo massimo – i sopravvissuti si ritroveranno, quello che li aspetta sarà una dolorosissima sorpresa.


Volevamo raccontare i bombardamenti di Cagliari del '43, io Pierpaolo e Mauro, ma – studiando quegli anni, le testimonianze e subendo il fascino di Cagliari, della Storia e di tutta la Sardegna – è bastato poco per capire che dovevamo raccontare un arco più grande, e una geografia più estesa: geografia di paesi e città, ma soprattutto di uomini e donne che non vogliamo dimenticare.

Protagonisti controvoglia di una storia tragica infinitamente più grande di loro, Efisio e Antioco Mereu sono testimoni silenziosi della rovina di quegli anni, della follia dell'Italia fascista e del delirio collettivo di cui si ammalò il popolo italiano. Testimoni muti, senza voce e senza peso, soldatini di piombo, carne da macello che tutto ha visto e ancora si domanda perché.

Un film in presa diretta, un folle volo lungo venticinque anni, dove si torna da una guerra e si parte per un'altra, ci si innamora e si fa a botte, si gioca, si ride e si fa l'amore: insomma si diventa adulti, si soffre di gelosia e solitudine, si seppelliscono i propri cari e una città bellissima e amata diventa un cumulo di macerie. Tutto in un presente continuo dove retorica ed eroismo non hanno spazio, perché la vita è più dura di quello che cantano i poeti, la guerra fa schifo, e non c'è gloria per chi sopravvive né – soprattutto – per chi alla “patria” ha sacrificato la vita.

francesco niccolini

 

 
go to top Go To Top go to top