http://www.francesconiccolini.eu
venerdì 18 gennaio 2019
francesco niccolini
E nonostante tutti gli sforzi creativi,
il passato poté essere tenuto a bada solo in maniera imperfetta.
[Rohinton Mistry, A Fine Balance]


Home
curriculum
spettacoli
cinema e tv
teatro ragazzi
libri e dvd
testi e articoli
seminari e laboratori
links
compagni di viaggio
contatti
archivio vecchi lavori
premi
foto
Europlà
tournée e appuntamenti
dicono di lui


Riparte la tournée da Monfalcone
Image


Riccardo3. L'avversario

di Francesco Niccolini
liberamente ispirato a William Shakespeare e ai crimini di Jean-Claude Roman
 
regia Enzo Vetrano e Stefano Randisi
 
con Enzo Vetrano, Stefano Randisi e Giovanni Moschella
 
scene e costumi Mela Dell’Erba
disegno luci Max Mugnai

produzione
Arca Azzurra Teatro, Emilia Romagna Teatro Fondazione
in collaborazione con LE TRE CORDE-Compagnia Vetrano Randisi
 

Image 

Una stanza bianca. Un letto. Un trono.
Un costume elegantissimo, ricostruzione perfetta di un abito nobiliare inglese di fine XV secolo.
Ma la stanza non è quella di un castello tardo medievale, e nemmeno il letto: sembrano piuttosto gli interni disadorni e freddi di una stanza d’ospedale. Psichiatrico, forse.
Allora cosa ci fa un costume da Riccardo III? Chi sono i tre uomini che si alternano in modo schizofrenico tra tutti i ruoli della storia?
Il problema è che Shakespeare e il suo Riccardo non ci bastano più: eppure è un testo gigantesco, finanche esagerato, con troppi personaggi, ma sublime, dalle prime parole alle ultime, che cancellano l’orrore, liberano dal sangue e dalla presenza angosciosa del male, nella sua incarnazione più pura e luciferina.

Quando, con Enzo Vetrano e Stefano Randisi, abbiamo cominciato a ragionare sul nostro Riccardo, è stata fortissima l’esigenza di sottrarlo al medioevo inglese e fargli abitare il presente, perché non fosse l’ennesima variazione sul tema ma qualcosa di meno rassicurante.
Come nell’originale shakespeariano il male si ammanta del fascino più irresistibile, qui il gioco è rendere quel male invisibile, scambiabile per il bene e viceversa: nell’epoca delle false identità e dei travestimenti (digitali, analogici, teatrali o domestici che siano) il crimine – anche il più efferato – non è mai facile da riconoscere né da confessare.

Francesco Niccolini

Image 

 
go to top Go To Top go to top